Con questa comunicazione vi riferiamo l’esito di un incontro tenutosi al MIUR al quale abbiamo partecipato alla presenza del Sottosegretario di Stato Vito De Filippo avvenuto in data 18 ottobre 2017. Lo scrivente si è presentato nel suo ufficio accompagnato dalla professoressa Eleonora Melidoni. Approfittiamo della presente per ringraziare per l’estrema disponibilità e cortesia mostrata dal Sottosegretario De Filippo che è riuscito a ricavare un incastro, nel fissarci questo appuntamento, inserendolo nella sua fitta agenda di appuntamenti istituzionali. Lo scopo è stato quello di consegnare la tabella di valutazione dei titoli redatta in collaborazione con i colleghi dei gruppi ‘Transitorio per il Ruolo’ e ‘Azione Precari’ che è stato formato per consentire a ciascuno di offrire il proprio contributo in ordine all’ormai imminente decreto attuativo del bando di concorso per lo svolgimento del colloquio orale. Abbiamo passato serate in videoconferenza per interpretare i sondaggi proposti nel gruppo per scrivere proposte sensate e condivise. Un esperimento di collaborazione tra gruppi davvero riuscito! Ricordiamo, a beneficio di quanti non fossero riusciti a venirne a conoscenza, che lo scorso 4 settembre a Maratea, in occasione di un convegno al quale partecipavano tra gli altri Eleonora Melidoni De Filippo e Luigi Gallo dei Cinque Stelle, si faceva strada l’ipotesi di una riduzione del peso dell’orale che sappiamo essere fino al 40%. In questo senso si è espresso il Sottosegretario in relazione a quanto scritto nel comma 4 dell’articolo 17 che testualmente recita ” alla prova orale, che non prevede un punteggio minimo, è riservato il 40% del punteggio complessivo attribuibile”. Il concetto del peso dell’orale fino al 40% è stato ribadito per ben due volte nel corso della riunione. L’appuntamento di ieri ha rappresentato un approfondimento di questa possibilità. Quando gli abbiamo chiesto di abbassare il peso dell’esame orale, così come gli fu chiesto a Maratea, si è mostrato disponibile prendendo l’impegno di spendersi in tal senso e precisando che è da intendersi “fino al 40%”, come sopra sottolineato. Altro punto forte è stata la valorizzazione del servizio specifico e aspecifico, in quanto unico criterio di valutazione nel sistema scolastico. E anche su questo punto è stato aperto, anche se meno ottimista. Abbiamo consegnato la nostra tabella titoli e servizio per il transitorio dicendo che sicuramente gliene avranno presentate tante e, con nostra sorpresa ci ha detto di no. Quindi siamo tra i pochissimi a dichiarare da chi siamo stati ricevuti e ad aver presentato una tabella titoli e servizio per il transitorio. Bene ! Anche l’onorevole Camilla Sgambato si è mostrata pronta al dialogo e al sostegno. Anche lei, infatti, si è mostrata aperta ed interessata a questa evenienza dichiarando la sua volontà di appoggiarla. Pertanto rimaniamo fiduciosi in attesa, consapevoli che l’impegno che abbiamo chiesto di presentare alla VII Commissione questa nuova versione affinché venga approvata, non sarà affatto semplice. Siamo comunque estremamente soddisfatti e gratificati per avere rappresentato le istanze dei colleghi che chiedono il giusto riconoscimento del servizio prestato.